Archive for gennaio 2009|Monthly archive page

Mitico Fausto

Oggi dai miei amici che ci hanno la banda larga, ho sentito Radio Numberone. Come prevedevo è proprio una bella radio. La musica è da 10, mettono cose nuove e vecchie ma tutte canzoni molto belle. Ma la cosa più importante è che ho sentito Fausto Terenzi! Purtroppo però l’ho sentito solo per pochi minuti e da quello che ho capito, oggi era l’ultimo giorno che trasmetteva alla radio. Ci sono rimasto un po’ male ma comunque sono contento di averlo risentito anche perchè ho saputo che aveva avuto problemi di salute. Comunque ci tengo a ringraziarlo per tutta la compagnia che mi ha fatto. A risentirlo mi sono rivisto mentre con la Tipo color topo me ne andavo a lavorare la mattina e sentivo il Fausto Terenzi Show. Sono passati 20 anni ma sentire la sua voce mi ha fatto rivedere quell’immagine come se fosse adesso. Grazie mitico Fausto!

Annunci

Le avventure del Polli, la fase rallistica

Il Polli fa le insegne. Le fa un po’ tutte uguali, lo sfondo bianco e le scritte blu o rosse. Oppure blu e rosse insieme. Ma in realtà lui fa le insegne come ripiego perché è stato sfortunato in altre attività. Perchè il Polli è il classico artista sfigato che ci avrebbe mille possibilità ma poi non ne va in porto neanche una. Come ogni artista che si rispetti, anche lui ci ha avuto diverse fasi nella vita. Una delle fasi è quella rallistica, cioè quando faceva i rally con la 127. L’episodio simbolo di questa fase è accaduto durante un rally in Versilia al quale partecipava anche Marku Allen che però al tempo non era ancora molto famoso. Allora succede che alla 127 del Polli si buca una gomma e lui non ci ha quella di scorta. Allora il Marku Allen trova il Polli fermo nella strada con una gomma bucata e gli fa: “Tieni Polli, prendi una delle mie gomme. Prendila te che ci hai più possibilità”. Allora lui prende la gomma, la mette sulla 127, riparte e vince la corsa. Solo che poi viene squalificato perchè ci aveva una gomma che non era regolare per la sua macchina! Ma si può essere più sfigati del Polli? Al bar dicono di no, però non è che ci credono tutti alle sue storie.

Lettera al Canone Rai

Gentile Sig. Canone Rai, visto che lei si chiama CanONE e io GuidONE, può essere che siamo parenti? A parte la battuta per sdrammatizzare, volevo dirle che anche anche quest’anno ho pagato la tassa, anche se penso che i 100 e rotti euro erano spesi meglio in lupini alla fiera visto che i programmi che danno alla televisione ti istigano a strapparti i capelli dallo sconforto. Comunque ho fatto il mio dovere con la speranza che un giorno questo sopruso venga eliminato e giustizia sia fatta. Nel frattempo sto terminando i capelli. Cordiali saluti.

Le incredibili avventure del Polli

Dalla fase rallistica a quella cantante. Tutte le incredibili avventure del Polli, prossimamente su qusto blog! Rimanete sintonizzati!

L’IVA del meccanico non è prevista

Il furgoncino dei formaggi purtroppo ci ha avuto un’avaria. E purtroppo l’officina dove lo portavo di solito ha chiuso, allora sono dovuto andare da un altro meccanico. Ora è aggiustato e il meccanico mi ha detto che c’erano due pezzi rotti, me li ha anche fatti vedere. Comunque io non ci ho la certezza che erano rotti tutti e due ma mi piace fidarmi. Allora io gli ho chiesto quanto spendevo e lui mi ha detto che erano 150 euro. Allora io gli ho detto che mi doveva fare la fattura perchè io ci ho il negozio dei formaggi e devo metterla nella contabilità. E lui allora mi fa: “Va bene, allora ci devi aggiungere l’IVA e sono 180 euro”. E allora io ho pensato che non è un bel sistema lavorare così, te mettici pure l’IVA e ti ringrazio che hai fatto il lavoro in fretta, ma no so se ci ritorno in questa officina.

Non sostate lo scooter

scooterÈ ora di basta che mi sostate sempre lo scooter davanti al negozio! Un altro bel cartello in esclusiva per i lettori del blog. Fotografia fatta col cellulare in una nota isola campana. La Giovanna come al solito non ci trova niente di buffo… Ma secondo me lo fa per dispetto.

Idee rivoluzionarie per snellire il traffico

Il Mecio è uno del mio paese che lo incontri spesso al bar. È un critico umano. Esitono i critici dei film o dei libri, lui invece è un critico umano nel senso che critica le persone. Nessuno escluso, cioè tranne lui stesso. A volte poi tira fuori delle idee rivoluzionarie. L’altro giorno ero al bar a prendere il caffè e ci era il Mecio con altri tre amici seduti al tavolino che parlavano dei massimi sistemi. Insomma, erano quattro amici al bar, come la canzone. Canzone che non l’ha scritta Gino Paoli ma in realtà è opera del Polli, quello delle insegne. Comunque questa è una storia che vi racconterò un’altra volta. Allora, ci erano il Mecio e gli altri tre e a un certo punto viene fuori l’argomento del traffico. Noi ci abbiamo la strada provinciale che è un casino. Al mattino tutti vanno verso la città per lavorare e alla sera rientrano. Tutti insieme. E se non bastasse c’è sempre quello con l’Ape che va a 20 all’ora o quello con il trattore che va anche più piano. Allora il Mecio ha presentato la sua idea rivoluzionaria: mettere un bazooka in cima alle macchine che se quello davanti va troppo piano, te sei autorizzato a schiacciare il bottone del bazooka e a farlo saltare per aria. L’idea ha riscosso subito grande consenso. Però a qualcuno ci è venuto il dubbio che con tanti bazooka in giro potrebbe venire fuori tipo una guerra civile. Allora la controproposta è stata che col bazooka puoi sparare al massimo tre colpi all’anno. L’unico problema è che a dicembre magari ci è l’aumento delle esplosioni per via che uno si è risparmiato i suoi tre colpi durante l’anno e allora si vuole sfogare. Comunque uno può sempre parcheggiare la macchina sul ciglio della collina al 31 di dicembre e sparare i colpi avanzati per festeggiare l’anno nuovo. Mi sembra che stavolta il Mecio ci ha avuto una buona idea.

Soluzioni per il traffico

Prossimamente su questo blog le rivoluzionarie idee del Mecio per il decongestionamento del traffico sulla provinciale. Rimanete sintonizzati!

Avvistamenti di pizza d’asporto

pizza d'asportoIl Richi è il gelataio del mio paese. Pare che a fare i gelati si guadagni abbastanza bene e difatti lui non se la passa male. Si capisce anche perchè ci ha il SUV e poi fa tante vacanze. Comunque è un bravo ragazzo, è uno che se può farti un piacere te lo fa per niente. Allora come dicevo lui fa tante vacanze e difatti è appena tornato dalla Val di Fassa. E siccome lo sa che ci ho la fissa dei cartelli sbagliati, ha fatto una foto col cellulare a questa insegna di una pizzeria del posto. Comunque mi ha detto il Polli che fa le insegne, che per le insegne lui fa pagare un tanto a lettera. Allora forse i pizzaioli ci mettono l’apostrofo tra “da” e “asporto” per risparmiare una lettera e spendere di meno. Però mi ha detto il Richi che la pizza era buona.

Coming up next

Ci è stato un periodo che guardavo MTV in inglese con la parabolica. Allora, un conto è dire delle cose in inglese tipo My name is Guido o I am a student, e un altro conto invece è capire cosa dicono loro quando parlano in inglese stretto. Difatti io non ci capivo una Valeria Mazza. L’unica cosa che mi sembrava di capire era coming up next che secondo me voleva dire in arrivo subito dopo.  Allora quando dicevano così mi sembrava che la cosa che veniva dopo era interessante. In effetti loro la spiegavano ma io non capivo e allora dovevo aspettare che finisse la pubblicità per vedere cosa era veramente. Da questa storia ho imparato che nella comunicazione bisogna creare suspance per incuriosire il pubblico. E allora nel negozio dei formaggi ci metto dei cartelli enigmatici tipo domani grande offerta e cose del genere. Mi sembra che funzioni perchè delle volte i clienti mi chiedono quale era la grande offerta che c’era scritta nel cartello di ieri. Allora ho pensato che questo meccanismo può andare bene anche ai blog. Così ho fatto la categoria prossimamente su questo blog dove ci metterò le cose che ho in mente di scrivere perchè non ci ho ancora avuto tempo. Anche adesso non ci ho più tempo di scrivere perchè dobbiamo andare a pranzo dai suoi della Giovanna. Buona domenica a tutti.